IL VOLANTINO DELLE PROMOZIONI È ANCORA EFFICACE?

Il declino delle promozioni

Il primato della Calabria: i migliori "cacciatori di offerte" del Paese

L’elaborazione dei dati (Nielsen Trade * Mis. 2018) mette in evidenza un andamento negativo delle vendite all'aumento della pressione promozionale associato ad un impoverimento del carrello medio. La spiegazione potrebbe essere l’assuefazione  del consumatore per uno strumento periodico che appare indifferenziato tra le varie insegne della GDO (Grande Distribuzione Organizzata).

PERCENTUALE ACQUISTI PROMOZIONATI PER REGIONE


8png
Elaborazione su dati Nielsen Trade * Mis. 2018

La percentuale di italiani che cambia punto vendita per cercare promozioni più convenienti passa dal 42% del 2015 al 39% del 2018. La domanda di offerte promozionali resta comunque alta in quanto il desiderio di risparmio è un sentimento forte e presente in tutta la clientela che va ben oltre il segmento dei cacciatori di sconti. Gli italiani ritengono infatti che le promozioni restano interessanti anche se rappresentano sempre meno un valida ragione per cambiare punto vendita.

Il graduale ampliamento degli assortimenti, sia nel punto vendita che sul volantino promozionale, rende più difficile e faticosa la spesa. Un numero di pagine cospicuo, una frequenza di pubblicazione differente alla ciclicità di acquisto, un elevato numero di articoli per pagina, troppe pagine e una frequenza di pubblicazione annua eccessiva limitano l’attenzione e la memoria da parte del consumatore medio.

ParametriVolantinipng

La conseguenza è la diminuzione delle vendite in promo (-1,7% nel 2018 rispetto al 2017).  Il dato nazionale, il 33% degli acquisti è eseguito su prodotti in promozione, è una media di contesti territoriali diversificati. Le regioni del Mezzogiorno sono quelle che mostrano un ricorso rilevante agli acquisti in promo. Al contrario, livelli più bassi, e una tendenza alla diminuzione, contraddistinguono le regioni del Centro Nord. Il primato della percentuale di acuisti promozionati nel 2018 si registra in Calabria 40% circa. Nella classifica provinciale, Cosenza è al terzo posto con il 41% di acquisti di prodotti in promozione. (Caltanissetta 48%, Messina 42%). Le province con la percentuale di acquisti promozionati minori sono invece Verona, Treviso e Vicenza (25% Circa). L’aumento del numero di pagine e dei prodotti per pagina, l’assenza di frame dello sconto e la distribuzione del volantino all'entrata del punto vendita sono indicatori della trasformazione del volantino in catalogo. Da strumento per la creazione di traffico nel punto vendita a catalogo per la stesura della lista della spesa e a semplificazione dell’acquisto in un contesto di assortimento troppo esteso.